I taccuini di Tarrou – 466 – Nel vuoto

È insostenibile il mio sguardo, per chiunque abbia una vita appena soddisfacente, o anche solo una prospettiva, una speranza, una fede. È lo sguardo di chi domanda disperatamente aiuto, di chi implora disperatamente di essere salvato. È lo sguardo del mendicante e del prigioniero. Perché in fondo cos’altro sono se non un mendicante d’amore e un prigioniero della solitudine?

Non sono mai stato così solo, dunque così disperato, come in questo momento. Il mio buio non è mai stato così buio. Il mio deserto non è mai stato così deserto. Lei se n’è andata da tempo, ma il mio sentimento di Lei era sempre con me, mi accompagnava ovunque e in ogni momento della giornata. Dov’ero io era Lei. Ma ora che anche il mio sentimento di Lei è svanito, e senza che me ne rendessi conto, dentro di me e attorno a me è un vuoto mai visto prima, un vuoto inconcepibile, inesprimibile, che divora, un buio che acceca e un silenzio che assorda. Non c’è nessun altro oltre me. Sono io il tutto, sono io il niente.

Come scrive Dostoevskij alla moglie Anna in una delle sue lettere più cupe e disperate, «non è più una solitudine, ma un assoluto silenzio. Non so più parlare, parlo con me stesso come un pazzo».

I taccuini di Tarrou. Un altro anno di resistenza , , , , , , , ,

Informazioni su Simone Germini

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi «Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist», pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi «Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter». Dal 2012 al 2018 sono stato caporedattore del blog «Freemaninrealworld». Insieme con Lorenzo Pica, Raffaele Rogaia e Marco Zindato ho fondato il sito iMalpensanti.it. Sul blog «Bazzecole» i maldestri tentativi di scrittura creativa. Per info e contatti simonegermini@yahoo.com.

Precedente I taccuini di Tarrou - 465 - Anfibi e incompleti Successivo I taccuini di Tarrou - 467 - Il sogno