I taccuini di Tarrou – 141

Una donna che potrebbe avere l’età di mia madre, i figli al fronte, veglia da cinque giorni il cadavere del marito, che non riesce a seppellire, abbandonato accanto a ciò che resta della loro casa, un cumulo di macerie, proteggendolo con la sua presenza dai cani affamati. Un uomo, che potrebbe avere l’età di mio padre, ha perso la figlia, che poteva avere la mia età, e la nipote, un’adolescente, e racconta il proprio dramma con una lucidità, con un distacco, con un’imperturbabilità impressionanti, che fanno rabbrividire e rivelano come in condizioni di guerra, condizioni nelle quali l’umana assurdità risplende in tutta la sua abbacinante ferocia, non ci sia spazio per il dolore, per la consunzione del lutto.

Mi sento in colpa per le vittima, per quelle che non ci sono più e per quelle che restano, come se fossi io il colpevole delle loro sofferenze. L’impotenza, talvolta spinta fino all’estremo limite dalla mia natura radicale, mi fa sentire responsabile del massacro.

I taccuini di Tarrou , , , , , , , , , ,

Informazioni su Simone Germini

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi «Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist», pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi «Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter». Dal 2012 al 2018 sono stato caporedattore del blog «Freemaninrealworld». Insieme con Lorenzo Pica, Raffaele Rogaia e Marco Zindato ho fondato il sito iMalpensanti.it. Sul blog «Bazzecole» i maldestri tentativi di scrittura creativa. Per info e contatti simonegermini@yahoo.com.

Precedente I taccuini di Tarrou - 140 Successivo I taccuini di Tarrou - 142