I taccuini di Tarrou – 482 – La bussola del peggio

Non devo pensare a quanto la mia vita potrebbe essere migliore, ma a quanto potrebbe essere peggiore. Deve orientarmi la bussola del peggio, non dell’insoddisfazione.

***

Nelle Memorie di una casa morta Dostoevskij parla di alcuni forzati che restano incatenati al muro per cinque, talvolta persino dieci anni. Ripeto: per cinque, talvolta persino dieci anni. Sanno perfettamente che non usciranno mai dal reclusorio, ma sanno anche che prima o poi verranno liberati dalla catena, ed è proprio il desiderio di tornare a passeggiare liberamente, anche se soltanto nel cortile del reclusorio, a tenerli in vita e in salute.

Se una semplice passeggiata in cortile ci appagasse come appaga questi poveri disgraziati…

Precedente I taccuini di Tarrou - 481 - Perdersi. Ritrovarsi Successivo I taccuini di Tarrou - 483 - Quando la vita diventa prigione

Lascia un commento