I taccuini di Tarrou – 332

Nella Caduta Clamence-Camus racconta il seguente aneddoto:

«Lo sa che nel mio villaggio, durante una rappresaglia, un ufficiale tedesco ha pregato gentilmente un’anziana donna di scegliere quale dei due figli sarebbe stato fucilato come ostaggio? Scegliere, si rende conto? Quello? No, questo. E vederlo andare via. Non voglio insistere, ma mi creda, signore, bisogna aspettarsi di tutto».

Di aneddoti simili la Storia, inesauribile fonte di violenza e barbarie, ne ha forniti e ne fornisce, tuttora, nel 2022, come se il Novecento non fosse mai esistito, a migliaia. Ebbene, mi domando come si possa avere ancora fiducia nel genere umano e come si possa mettere al mondo un figlio, sapendo che dall’uomo ci si può, anzi, ci si deve, aspettare di tutto. Nessuno è al sicuro. Ci eravamo illusi di aver trovato la pace, la stabilità, la tranquillità, ma il genere umano, in qualunque condizione si trovi, è sempre, costantemente, irreversibilmente sull’orlo del precipizio. Alle sue spalle troverà sempre un tiranno, criminale più di tutti gli altri, pronto a gettarlo giù e godere della sua fine.

I taccuini di Tarrou , , , , , , , , , , ,

Informazioni su Simone Germini

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi «Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist», pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi «Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter». Dal 2012 al 2018 sono stato caporedattore del blog «Freemaninrealworld». Insieme con Lorenzo Pica, Raffaele Rogaia e Marco Zindato ho fondato il sito iMalpensanti.it. Sul blog «Bazzecole» i maldestri tentativi di scrittura creativa. Per info e contatti simonegermini@yahoo.com.

Precedente I taccuini di Tarrou - 331 Successivo I taccuini di Tarrou - 333

Lascia un commento