I taccuini di Tarrou – 229

Quando incontro una donna che per qualche ragione cattura il mio interesse e stimola, con la semplice immagine, il mio sogno d’amore, getto subito uno sguardo alla sua mano, per vedere se porta la fede oppure no. Che la indossi o meno non fa alcuna differenza, perché in nessun caso mi avvicinerei e rivolgerei la parola a una donna che non conosco, ma l’assenza di anelli è una sorta di lasciapassare per la mia immaginazione e, di conseguenza, per la mia amarezza.

Scrivo questo perché mi è venuto in mente un particolare del mio ultimo incontro con Cristina: per la prima volta in mia presenza portava un anello all’anulare della mano sinistra. Non credo sia un caso. Credo che, notando il mio eccessivo coinvolgimento, il mio eccessivo calore nei suoi confronti, Cristina abbia tentato di allontanarmi tacitamente da lei. Del resto, potrebbe essere davvero sposata o fidanzata. Ma ormai cosa importa, dal momento che non la rivedrò più?

I taccuini di Tarrou , , , ,

Informazioni su Simone Germini

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi «Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist», pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi «Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter». Dal 2012 al 2018 sono stato caporedattore del blog «Freemaninrealworld». Insieme con Lorenzo Pica, Raffaele Rogaia e Marco Zindato ho fondato il sito iMalpensanti.it. Sul blog «Bazzecole» i maldestri tentativi di scrittura creativa. Per info e contatti simonegermini@yahoo.com.

Precedente I taccuini di Tarrou - 228 Successivo I taccuini di Tarrou - 230