I taccuini di Tarrou – 20

Ogni volta che inizio a scrivere non vedo l’ora di finire, come se la scrittura fosse un peso, una fastidiosa incombenza da sbrigare al più presto, un male necessario che non si può in alcun modo evitare. Quando scrivo perdo completamente la serenità – quel poco di serenità che mi resta -, tutti i miei pensieri, tutte le mie energie si concentrano sulla pagina, dalla quale non riesco a staccarmi, a fuggire, neppure quando sono impegnato in altre attività. Il corpo magari fa tutt’altro, ma la mente, preda di un’eccitazione febbrile, scrive senza sosta, versa inchiostro invisibile nell’aria. È una tortura. Nessuno mi impedirebbe di scrivere, anzi, in molti ne sarebbero felici – io per primo -, ma sarebbe come smettere di fumare – impossibile. Il male e il dolore non sono mai argomenti convincenti. Se così non fosse, metà degli uomini, forse anche di più, che in questo momento affollano la terra, non esisterebbero.

La scrittura non è mai stata per me un’attività pacifica, conciliante, ma una lotta, un sanguinoso corpo a corpo con me stesso e con i testi analizzati. Una lotta che non prevede vinti e vincitori, ma soltanto vinti. La scrittura è una sciagura, una malattia, una condanna, alla quale il mio stesso corpo si ribella. Quando scrivo assumo sempre posture assurde, mi contorco, mi ripiego innaturalmente su me stesso, come se dovessi costringere con la forza il mio fisico a fare qualcosa per cui non è adatto, non è predisposto. Mentre scrivo il mio corpo si ribella continuamente a questa attività, tenta di sfuggirla e devo contenerlo, devo domarlo, devo sottometterlo, in un impegno fisico che si aggiunge all’impegno cerebrale e mi sfinisce, mi sfibra, nel corpo e nella mente.

Quando la morte finalmente verrà, non sarà la liberazione solamente dalla vita e dal dolore causato dall’essere-in-vita, ma anche dalla malattia della scrittura.

I taccuini di Tarrou , , , , ,

Informazioni su Simone Germini

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi «Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist», pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi «Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter». Dal 2012 al 2018 sono stato caporedattore del blog «Freemaninrealworld». Insieme con Lorenzo Pica, Raffaele Rogaia e Marco Zindato ho fondato il sito iMalpensanti.it. Sul blog «Bazzecole» i maldestri tentativi di scrittura creativa. Per info e contatti simonegermini@yahoo.com.

Precedente I taccuini di Tarrou - 19 Successivo I taccuini di Tarrou - 21