I taccuini di Tarrou – 182

È proprio perché troppo ho vissuto, troppo ho sognato, troppo ho desiderato, troppo ho sperato che mi sono esaurito presto, fino a raggiungere questa condizione irreversibile di morte-in-vita che rappresenta l’unica, terribile possibilità di vivere il nulla che ci attende dopo la fine. Il mio precoce esaurimento, il mio vuoto nascono da una straordinaria tensione vitale, incapace di accontentarsi della mediocrità della vita, una tensione che, non potendosi concretizzare, o meglio, non potendosi realizzare, ha divorato infine se stessa. Come scrive il giovane Cioran di sé, non sono io a non essere fatto per la vita, ma è la vita a non essere fatta per me. Del resto, è questo il tragico destino delle nature estreme, radicali, incapaci di accettare compromessi, di accontentarsi della mediocrità che la vita impone. E le nature estreme, non potendo avere tutto, si precipitano nel niente. Il loro temperamento radicale, che tutto vuole, gli impedisce di accettare porzioni e sfumature. Ma la vita offre forse qualcosa di più? No. Per vivere le nature estreme dovrebbero rinnegare se stesse, tradirsi, e non è possibile. Il niente è il loro destino.

I taccuini di Tarrou , , , , , , ,

Informazioni su Simone Germini

Classe 1989, dopo il diploma di liceo scientifico mi iscrivo alla facoltà di Lettere presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove mi laureo nel luglio del 2015 con la tesi «Figlie della crisi. I personaggi femminili di Heinrich von Kleist», pubblicata sulla rivista «Le rotte - Il porto di Toledo». Sempre presso lo stesso ateneo, nel settembre del 2017, conseguo la laurea magistrale in Filologia Moderna, con la tesi «Con le parole guerra alle parole. Linguaggio e scrittura in Carlo Michelstaedter». Dal 2012 al 2018 sono stato caporedattore del blog «Freemaninrealworld». Insieme con Lorenzo Pica, Raffaele Rogaia e Marco Zindato ho fondato il sito iMalpensanti.it. Sul blog «Bazzecole» i maldestri tentativi di scrittura creativa. Per info e contatti simonegermini@yahoo.com.

Precedente I taccuini di Tarrou - 181 Successivo I taccuini di Tarrou - 183